Abbiamo 1450 visitatori e un utente online

Q'anto ti amo
Autori Vari

Q'anto ti amo Prezzo del libro 10,00
Q'anto ti amo Oppure scaricalo da

Il libro giusto per il prossimo San Valentino!

È possibile raccontare la storia di un paese attraverso racconti d’amore?
Questa è la sfida di Q’anto ti amo.
Possiamo affermare tranquillamente che la sfida è stata raccolta e il risultato è più che lusinghiero, come potrete verificare dalla lettura di questo volume.
Nel bando abbiamo indicato sommariamente dei periodi storici all’interno dei quali doveva avvenire la narrazione.  Dalla guerra al boom economico, dalle rivoluzioni culturali della fine degli anni sessanta agli anni di piombo, dalla superficialità degli anni ottanta alla disillusione dei giorni nostri.
Gli Autori sono stati capaci di realizzare un affresco davvero rappresentativo di tutti questi periodi, le storie raccontano di uomini e donne che vivono con intensità le loro vicende personali ma non dimenticano affatto ciò che li circonda, tutt’altro.
Questi racconti hanno il pregio di raccontarci vicende coinvolgenti ed emozionanti e nello stesso tempo ci accompagnano ad una rilettura della storia italiana degli ultimi sessant’anni. Chi ha vissuto i periodi raccontati non faticherà a ritrovarsi e chi non li ha vissuti potrà vivere quegli anni attraverso le parole, i pensieri e le azioni dei protagonisti del racconto. Un modo forse particolare di rivivere la nostra storia ma assolutamente realistico e pregnante.
L’unica cosa che davvero cambia poco, in questi ventiquattro racconti così differenti, in fondo è ciò che li accomuna: l’amore.

Primo capitolo

La guerra e il dopoguerra


A gentile richiesta
Luigi Arena

Seduto su una panchina di fronte a me, Eduardo Sorriso leggeva il giornale, muovendo le labbra come i bambini che hanno da poco imparato a leggere. A quell’ora il parco era frequentato da mamme con figli piccoli e da ragazzi e ragazze che avevano marinato la scuola e si godevano il sole del pomeriggio, con lo zainetto dei libri che mai come in quei momenti si rivelava un pesante ingombro.
Eduardo piegò con cura il giornale e accese una sigaretta: la mano tremava e con essa la fiammella dell’accendino, ne ebbe un moto di stizza, si acquietò e fumò con una vorace voluttà. Secondo i miei approssimativi calcoli, doveva avere da poco passato l’ottantina; di lui si ricordavano in pochi ed io tra questi, attraverso i racconti di mio padre ed avendolo ascoltato cantare al matrimonio di una mia cugina anni addietro. Nel suo ambiente era soprannominato “a gentile richiesta”: si guadagnava da vivere come cantante, esibendosi in teatro, ai matrimoni, ai battesimi, alle cresime e prima di attaccare il suo repertorio era solito annunciare: “A gentile richiesta del pubblico canterò Un’ora sola ti vorrei”. Poiché era impossibile che il pubblico lo avesse già invitato a cantare quella canzone, era ovvio che ormai era divenuta una abitudine e di qui il nomignolo “a gentile richiesta” che in capo a qualche tempo gli venne affibbiato.
Era stato un bell’uomo in gioventù, Eduardo: capelli castani che tendevano sotto il sole al biondo, baffi sottili alla Clark Gable e una eleganza asciutta, calibrata, da uomo sobrio e posato.
Mi avvicinai, gli porsi la mano che strinse con calore e nel presentarmi dissi che lo conoscevo da anni: volle sapere chi fossero i miei genitori (a chi “appartenevo”) e dove l’avevo sentito cantare. Mi confidò che era a conoscenza del nomignolo che gli era stato appioppato, ma aggiunse che non se ne era mai dato pena, anche perché nessuno gliene aveva mai chiesto il motivo. Mentre aggiungeva queste ultime parole, compresi che aveva intenzione di raccontarlo: accesi il mio sigaro e stetti ad ascoltare, guardandolo negli occhi, chiari con minuscole venature sanguigne.
– Ho iniziato la carriera di cantante verso la fine degli anni ’30, dopo aver fatto mille mestieri, quando libertà ve ne era poca e la miseria si affacciava in tutte le case. Avevo ottenuto piccoli contratti in teatri di terz’ordine, non me ne vergogno, ma avevo il mio pubblico e per arrotondare (ma soprattutto per mangiare) mi esibivo anche ai battesimi, alle cresime, ai matrimoni. Ad una di queste feste, durante il mese di maggio, conobbi Sara: era bella come il cielo delle nostre estati, bruna, prosperosa, occhi brillanti ed un paio di labbra rosso fuoco. Insomma me ne innamorai e per mia fortuna ero anche corrisposto. Sara, che aiutava il padre in un negozio di guanti e cappelli, tutte le volte che poteva veniva a sentirmi a teatro o mi accompagnava alle varie cerimonie. Eravamo diventati una coppia, parlai pure con suo padre che dapprima storse il naso per la mia “professione” ed infine dovette arrendersi alla furia della figlia che gli spiattellò chiaro e tondo che era innamorata di me ed intendeva sposarmi.
Questo signore mi aveva colpito fin dalla prima volta che l’avevo incontrato, a causa dello sguardo: era uno sguardo impaurito, terrorizzato e mi accorsi che aveva anche un leggero tremore alle mani. Certe volte, quando andavo a fare due chiacchiere in negozio con Sara, notavo che suo padre ogni qualvolta qualcuno si affacciava alla porta era preso dallo sgomento, fino a quando non riusciva a capacitarsi, con un sospiro di sollievo, che si trattava di un cliente che aveva bisogno di un Borsalino nuovo o di un paio di guanti. Non vi feci caso, pensando che gli anziani (è strano detto da me che non sono più un ragazzino, ma il padre di Sara aveva appena superato la sessantina) hanno delle oscure paure cui non si riesce a dare un nome preciso o forse è solo la paura della morte, chissà.
Non ci pensai  più di tanto, a me interessavano Sara e l’amore che ci legava ogni giorno di più. Un brutto giorno ci piombò addosso la guerra, con le sirene, i bombardamenti, le rappresaglie e le deportazioni. Gli spettacoli, proprio a causa dell’oscuramento e del coprifuoco furono spostati al pomeriggio e fu proprio durante uno spettacolo pomeridiano al teatro A. che dedicai a lei una delle più belle canzoni del mio repertorio: Un’ora sola ti vorrei… Era arrossita e fiera allo stesso tempo: uno spettacolo nello spettacolo: quella sera facemmo l’amore nella mia camera d’albergo e fu meraviglioso l’indomani svegliarmi con lei accanto; spettinata e felice, garriva come una rondine prima di abbracciarmi ancora ed ancora ed ancora.
Quando la accompagnai al negozio, suo padre mi parve ancora più preoccupato di sempre: il terrore negli occhi era aumentato, s’era fatto incubo, le mani parevano andare per proprio conto senza alcun controllo. Fu proprio quella mattina che annunciò che avrebbe lasciato il negozio in gestione ad un nipote e che dovevano partire al più presto per Roma, dove viveva una vecchia zia che aveva bisogno delle loro cure e del loro conforto. Padre e figlia si scambiarono un’occhiata che non potrò più dimenticare: in un solo istante fu come se il terrore del padre si fosse riversato negli occhi di Sara; ero fermo, inchiodato al centro del negozio, non capivo più niente, ma mi resi conto che la felicità mi stava scivolando di mano come un pugno di cenere.
L’indomani mi recai in stazione per salutare il mio grande amore e suo padre, carichi di valigie, come se fuggissero da un incendio o da un terremoto che aveva loro squassato l’anima e non solo. Mentre il treno si allontanava mi venne voglia di piangere, ma mi trattenni e prima di recarmi in teatro andai a ubriacarmi in una fiaschetteria di Piazza Domenico Soriano. Fu la prima sera in cui annunciai, seppure nessuno l’avesse chiesto, che “a gentile richiesta” avrei cantato Un’ora sola ti vorrei ed un amico disse, credendo di fare un complimento, che non mi aveva mai sentito cantare così bene.
Eduardo Sorriso tacque, si guardò intorno come smarrito, in cerca di qualcosa nelle stanze quasi buie della memoria, accese un’altra sigaretta e guardandomi anch’egli negli occhi, continuò:
– Le scrivevo ogni giorno e lei ogni giorno rispondeva alle mie lettere (le ho conservate tutte), mi raccontava della zia, della vita che conduceva a Roma e terminava sempre con “TI AMO” scritto in maiuscolo.
La mia vita continuava, ma mi sentivo svuotato, mi mancava il senso di ogni gesto, mi mancava lei, Sara, la mia Sara.
Un sabato mattina entrai nel solito bar per un caffè e notai una certa agitazione: molti clienti erano in circolo attorno a un signore che ad alta voce leggeva dal giornale di un rastrellamento compiuto a Roma dai tedeschi che avevano portato via chissà dove un gran numero di ebrei. Il signore del giornale lesse la lista di nominativi dei deportati (pensammo subito che erano stati trasferiti in un campo di concentramento) e quale fu la sorpresa nell’ascoltare che l’elenco comprendeva anche i nomi di Sara e di suo padre: i poveri cristi erano ebrei, ecco la paura, il terrore negli occhi del padre di Sara. Stavolta piansi veramente, tanto che qualcuno degli avventori che mi conosceva, mi venne accanto per consolarmi. Perché lasciare la nostra città in tutta fretta? Perché andare proprio a Roma? Ecco domande alle quali ancora oggi non ho trovato risposta: se fosse rimasta qui con me, se non fosse partita per Roma tutto questo non sarebbe accaduto.
Trascorsi una intera settimana chiuso in casa, non avevo voglia di niente, mangiavo poco e bevevo vino e liquori fino ad ubriacarmi, volevo annullarmi per raggiungere Sara: avevo la consapevolezza che il campo di concentramento altro non era che l’anticamera della morte ed allora tanto valeva che mi affrettassi a raggiungerla, magari anticipandomi rispetto a lei per conservarle il posto più bello accanto a me, qualunque Dio vi fosse in cielo, ebreo, cristiano o maomettano…
Da quella disperazione uscii grazie all’aiuto di mio fratello Filippo che mi stette vicino con amorevole pazienza e tatto e, a poco a poco, mi aiutò a riprendere la vita di sempre.
Ritornai in teatro e iniziai il mio numero dicendo: a gentile richiesta canterò Un’ora sola ti vorrei, mentre il volto si rigava di lacrime e gli applausi arrivavano scroscianti.
L’ho aspettata per lungo tempo, alla fine della guerra; tutti i giorni ero in stazione ad osservare le persone che arrivavano: sbrindellate vite, occhi infossati ancora pieni di terrore, vestiti che parevano tolti da un armadio degli orrori, ma di Sara e di suo padre neppure l’ombra, anche se mostravo a tutti le loro foto.
Mi ci vollero mesi per acquietarmi, per farmi una ragione, convincermi che non sarebbe più tornata, che esisteva ormai  soltanto nel mio cuore e nei pensieri. E ancora oggi, se ci penso, mi rendo conto che l’ultimo bacio a Sara non l’ho ancora dato ed è un vero tormento per quest’anima invecchiata nell’inquietudine.
 
Eduardo Sorriso aveva terminato di raccontare, il tremore della mano si era accentuato e i tanti pensieri andarono ad occupare una ruga che a me parve spuntata in quel momento. Ci salutammo con una calorosa stretta di mano e lo vidi allontanarsi verso casa, le spalle curve, il passo lento, in tasca il giornale ripiegato.
Fui distratto da quella vista dalla voce di una mamma che invitava il suo bambino a raggiungerla perché s’era fatto buio, mi guardai intorno: ero rimasto solo sotto le prime stelle di una sera qualunque e mi incamminai verso casa.

Anno pubblicazione

2013

Pagine

240

Formato

14x20 cm

ISBN

978-88-6810-198-5

Share this product